Come l’AI sta riscrivendo le regole dello shopping

L’intelligenza artificiale sta ridefinendo il panorama del retail, introducendo soluzioni innovative che mirano a potenziare l’engagement dei clienti e a rivoluzionare l’esperienza di shopping.
Questa trasformazione non si limita all’analisi dei dati comportamentali, ma si estende a tutti gli aspetti dell’interazione con il cliente, rendendo l’esperienza più coinvolgente ed efficiente. L’AI offre una personalizzazione senza precedenti, capace di analizzare in tempo reale una vastità di dati per fornire raccomandazioni su misura che incrementano la customer satisfaction, il tasso di fidelizzazione e, logicamente, le vendite.
Questo approccio personalizzato ha il potenziale di trasformare una semplice giornata di shopping in un momento profondamente gratificante, stimolando gli acquisti e promuovendo un rapporto più stretto tra i consumatori e i brand presenti nei centri commerciali.
I chatbot AI rappresentano una delle innovazioni più significative in questo ambito, offrendo un servizio clienti sempre disponibile, capace di gestire prenotazioni, promozioni, fornire informazioni sugli eventi, rispondere a domande frequenti e assistere i clienti in maniera efficiente e personalizzata. La declinazione più affascinante e innovativa del tradizionale chatbot è, senza dubbio, rappresentata dagli avatar con sembianze umane, riprodotti a grandezza naturale, in grado di creare forte empatia con il pubblico e di rispondere a qualsiasi tipo di domanda o richiesta di informazione attraverso l’utilizzo dell’intelligenza artificiale.
La capacità di apprendere dalle interazioni passate permette di offrire risposte sempre più accurate e personalizzate, rendendo il servizio clienti più efficiente e riducendo i tempi di attesa, il che si traduce in una maggiore soddisfazione del cliente e in un miglioramento
dell’immagine del centro. Un Centro Commerciale, in tal senso, sicuramente all’avanguardia è il Mall Of America.
Al suo interno, infatti, ha introdotto chioschi interattivi di orientamento che non sono solo una directory, ma un vero e proprio hub di coinvolgimento interattivo che fornisce assistenza personalizzata ai visitatori.
Con una progettazione intuitiva e funzionalità come la mappatura 2D, direzioni passo dopo passo, e la possibilità di inviare informazioni direttamente al proprio smartphone, questi chioschi facilitano le scelte dei visitatori per trovare negozi, attrazioni e servizi all’interno del
Centro Commerciale . Una delle principali tecnologie adottate inoltre da Mall of America è il WaitTime, una soluzione di intelligenza artificiale che fornisce dati in tempo reale sulla capacità del centro commerciale, sulla densità della folla e che consente di ottenere informazioni dettagliate su numeri, flussi e preferenze dei visitatori permettendo di conseguenza anche un’ottimizzazione delle risorse.
Un altro campo in cui l’AI sta apportando cambiamenti significativi è rappresentato dalla gestione delle scorte e quindi dalla previsione della domanda.

Come l’AI sta riscrivendo le regole dello shopping

La capacità di interagire con i CRM prevedendo con precisione la domanda di prodotti specifici, permette ai negozi di mantenere un inventario ottimale, riducendo gli sprechi e assicurando che i prodotti desiderati siano sempre disponibili.
Questo non solo migliora l’efficienza operativa, ma aumenta anche la soddisfazione dei clienti, che troveranno sempre ciò che cercano senza dover affrontare la frustrazione di prodotti esauriti.
In conclusione, l’introduzione dell’intelligenza artificiale nei centri commerciali rappresenta un’evoluzione naturale nel contesto del retail moderno.
Le soluzioni basate sull’AI stanno creando esperienze di shopping senza precedenti, personalizzate, efficienti e sicure, che rispondono alle esigenze e alle aspettative dei consumatori moderni. Mentre l’AI continua a evolversi, possiamo aspettarci che i centri commerciali siano in grado di offrire esperienze che vanno oltre il semplice shopping, trasformandosi in veri e propri ecosistemi di intrattenimento e interazione sociale.
Questo non solo aumenterà l’attrattiva, ma rafforzerà anche il loro ruolo nel tessuto sociale ed economico delle comunità in cui si trovano.


Alessio Mercurio
Cube Comunicazione

TOP